sentieristica

L’amministrazione del Comune di Bagno di Romagna in collaborazione con il CAI Cesena, ARiA, i Trekkabbestia, del nostro amico e socio Davide e l’Associazione Esploramontagne, che da sempre ci ha insegnato a prediligere i sentieri piuttosto che le banali strade asfaltate, ha lanciato un’iniziativa per noi molto importante che ci sentiamo di condividere.

Si tratta di formare una o più squadre per la manutenzione e qualifica della sentieristica del nostro territorio. Chi per passione, desiderio e volontà volesse partecipare a questo percorso può inviare la sua personale adesione con una semplice e-mail a: info@bagnodiromagnaturismo.it

Da quando abbiamo iniziato questo progetto siamo coscienti che la natura è spesso nascosta, qualche volta sopraffatta e il miglior modo per noi di raggiungerla è sicuramente un bel sentiero segnalato.

Forza ragazzi aderite numerosi!

Il nostro cammino ha ufficialmente inizio.

Ieri abbiamo avuto il piacere di ospitare e mostrare la nostra struttura ad una parte della giunta del Comune di Bagno di Romagna (il sindaco Marco Baccini, il vice-Sindaco Enrico Spighi e l’assessore Francesco Ricci) e a Gianluca Ravaioli del demanio regionale.

È stata una preziosa occasione di confronto su quanto svolto fino ad oggi e sulle iniziative future.

Li ringraziamo di cuore, tutti, perché in più di un’occasione si sono rivelati decisivi per la riuscita del progetto.

Ringraziamo inoltre i tanti che durante il pomeriggio sono passati a trovarci e i nostri nuovi vicini di casa: Ristorante-Albergo Ca Di Veroli e La Confluenza B&B.

Non sono questi i tempi per le grandi feste, ma appena possibile ne organizzeremo una davvero indimenticabile.

Ogni dettaglio è stato rinnovato nella forma e nello spirito e dopo un lungo “letargo” Trappisa di Sotto è pronta ad accogliervi. Vi aspettiamo!

Grazie a Silvano Fabiani per aver scolpito la pietra ancora meglio di come l’avevamo immaginata.

animazione grafica di Samuele Poggi

Nell’augurarvi un buon 𝟮𝟱 𝗮𝗽𝗿𝗶𝗹𝗲 vi raccontiamo una piccola ed interessante storia di Resistenza avvenuta proprio all’interno dei muri di questa casa.

𝗗𝗼𝗽𝗼 𝗹’𝟴 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 𝟭𝟵𝟰𝟯: l’armistizio, l’apertura dei campi e la fuga dei prigionieri alleati che vanno a ricongiungersi ai propri comandi; il ruolo delle popolazioni romagnole nella creazione di un vero “𝗰𝗼𝗿𝗿𝗶𝗱𝗼𝗶𝗼 𝘂𝗺𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮𝗿𝗶𝗼”…

𝗗𝘂𝗻𝗾𝘂𝗲 𝗱𝗮 𝗦𝗲𝗴𝗵𝗲𝘁𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗶𝗻𝗶𝘇𝗶𝗮 𝗶𝗹 𝗽𝗲𝗿𝗰𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗰𝗵𝗲, 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝘂𝗻𝗮 𝗹𝘂𝗻𝗴𝗮 𝘀𝗲𝗿𝗶𝗲 𝗱𝗶 𝗽𝗲𝗿𝗶𝗽𝗲𝘇𝗶𝗲, 𝗽𝗼𝗿𝘁𝗲𝗿𝗮̀ 𝗶 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗶 𝗶𝗻 𝘀𝗮𝗹𝘃𝗼 𝗼𝗹𝘁𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲. 𝗡𝗲𝗹𝗹𝗮 𝘁𝗿𝗮𝗳𝗶𝗹𝗮 𝘂𝗻 𝗿𝘂𝗼𝗹𝗼 𝗳𝗼𝗻𝗱𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗲 𝗹𝗼 𝗲𝗯𝗯𝗲𝗿𝗼 𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗲𝗴𝗴𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗲 𝗹𝗮 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗲𝗰𝗶𝗽𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗮 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗽𝗼𝗽𝗼𝗹𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗿𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗼𝗹𝗲.

A favorire la fuga dei prigionieri alleati non furono soltanto le favorevoli situazioni orografiche: l’elemento fondamentale è che 𝗹𝗲 𝗽𝗼𝗽𝗼𝗹𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗹𝗼𝗰𝗮𝗹𝗶 𝗲𝗿𝗮𝗻𝗼 𝗱’𝗮𝗰𝗰𝗼𝗿𝗱𝗼 𝗻𝗲𝗹 𝗳𝗼𝗿𝗻𝗶𝗿𝗲 𝗮𝘀𝘀𝗶𝘀𝘁𝗲𝗻𝘇𝗮. Erano popolazioni ai margini dello sviluppo, gente poco acculturata, le strutture sociali di esistenza erano in gran parte dettate dai ritmi della chiesa, dalle confraternite di origine seicentesca, dove i capifamiglia avevano un ruolo, diciamo, centrale. Quello che sceglieva il capofamiglia andava bene…

Il generale di brigata Combe, ospite per 90 giorni a 𝗧𝗿𝗮𝗽𝗽𝗶𝘀𝗮 𝗱𝗶 𝘀𝗼𝘁𝘁𝗼, nella parrocchia di 𝗦𝘁𝗿𝗮𝗯𝗮𝘁𝗲𝗻𝘇𝗮, racconta episodi commoventi di dedizione della popolazione. Durante i rastrellamenti le donne e i bambini lo accompagnarono nel bosco, lo fecero fuggire; racconta anche che mentre un generale è nascosto in soffitta, arrivano i tedeschi e i fascisti e la donna di casa fa piangere il bambino, gli dà i pizzicotti, lo fa urlare per distrarli, perché quelli non salgano. Nessuno dei fuggiaschi viene denunciato, a dimostrazione della solidarietà del territorio.

I generali scrivevano: “Se ci catturano a noi ci riportano al campo ma questi che ci proteggono finiscono impiccati con la loro famiglia”

𝗜𝗹 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗶 𝗯𝗿𝗶𝗴𝗮𝘁𝗮 𝗖𝗼𝗺𝗯𝗲, 𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗮𝘁𝗮 𝗹𝗮 𝗥𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗮, 𝘁𝗲𝘀𝘁𝗶𝗺𝗼𝗻𝗶𝗼̀ 𝘀𝘂𝗹 𝗿𝘂𝗼𝗹𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗽𝗼𝗽𝗼𝗹𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗿𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗼𝗹𝗲. 𝗥𝗶𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗼̀ 𝗱𝗶𝗰𝗵𝗶𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗔𝘀𝗰 𝗳𝗶𝗿𝗺𝗮𝗻𝗱𝗼 𝗮𝗹𝗰𝘂𝗻𝗲 𝘁𝗲𝘀𝘁𝗶𝗺𝗼𝗻𝗶𝗮𝗻𝘇𝗲 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗼 𝗽𝘂𝗴𝗻𝗼. 𝗖𝗼𝗺𝗯𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗲𝗿𝗮 𝘂𝗻𝗼 𝗾𝘂𝗮𝗹𝘀𝗶𝗮𝘀𝗶…

“𝙂𝙧𝙖𝙯𝙞𝙚 𝙙𝙞 𝙖𝙫𝙚𝙧 𝙧𝙚𝙨𝙞𝙨𝙩𝙞𝙩𝙤”

𝙁𝙤𝙣𝙩𝙚: https://fratellispazzoli.it/2017/11/16/a-seghettina/

Buona Pasqua da Trappisa di Sotto…

“RACCONTI SULL’ESODO RURALE NELLE VALLATE DELL’ALTO BIDENTE”

Il nostro socio, nonché guida Aigae DAVIDE PRATI (Trekkabestia) sarà relatore di “Racconti sull’esodo rurale nelle vallate dell’alto Bidente” giovedì 20 febbraio a Forlì Villaggio Mafalda dalle 20.30.

Evento organizzato da Coperativa Sociale Paolo Babini e Sant’Agostino La cà ad tut

Impossibile mancare!!

Conferenza a cura di Davide Alberti e Nevio Agostini dell’Ente Parco

Presso: Salone del Villaggio Mafalda, Via Dragoni 75m Forlì